SCP
 

Il comando scp serve per copiare file o intere directory da una macchina ad un'altra. La sintassi e` molto simile a quella del comando Unix cp.

 

Ad esempio il comando (notare i due punti alla fine del dominio):

<user@login1 ~> scp myfile.txt pippo@server.roma1.infn.it:

dopo aver chiesto la password dell'account pippo presente sulla macchina remota server.roma1.infn.it, copiera` il file myfile.txt presente nella propria home directory nella home directory dell'utente pippo sulla macchina server.roma1.infn.it . Ovviamente e` possibile specificare anche un percorso sia esso locale che remoto. Ad esempio il comando:

<user@login1 ~> scp pippo@server.roma1.infn.it:/var/data/backup/* /data

copiera` tutti i file presenti nella directory remota /var/data/backup dell'utente pippo nella directory locale /data. Questo necessita ovviamente che sia la directory /var/data/backup che /data esistano gia` e che l'utente conosca la loro esistenza.

Il comando scp ammette anche l'utilizzo dell'opzione -C per la compressione dei file durante il trasferimento, e l'opzione -r per copiare una directory ricorsivamente. Ad esempio il comando:

<user@login1 ~> scp -C -r pippo@server.roma1.infn.it:/var/data/backup /data

copiera` l'intera directory remota /var/data/backup ed eventuali subdirectory, nella directory locale /data utilizzando un algoritmo di compressione durante il trasferimento.


E` anche possibile specificare piu` file nella riga di comando, come in questo esempio, con il quale saranno copiati i file /etc/file01 e /etc/file02, presenti sulla macchina locale, nella home directory di pippo sulla macchina remota server.roma1.infn.it :

<user@login1 ~> scp /etc/file01 /etc/file02 pippo@server.roma1.infn.it: